Vai al contenuto

Dichiarazione dei Redditi – Modello 730 o Unico

Modello 730 Cos è?

Il 730 è il modello per la presentazione dei Redditi in Italia da parte dei contribuenti quali lavoratori dipendenti e pensionati. Con il modello 730 il contribuente riceve direttamente in busta paga o nell’accredito di pensione il rimborso oppure si vedrà trattenere l’importo a debito.
Conclusi i conteggi, si possono determinare due situazioni:

  • situazione a debito: il contribuente sarà tenuto a versare le imposte in quanto versate in misura inferiore a quanto dovuto;
  • situazione a credito: il contribuente sarà tenuto al rimborso delle imposte versate in eccedenza a quanto dovuto.

Quando si deve presentare il modello 730?

Il modello 730 ordinario deve essere presentato al CAF entro il 30 settembre per l’invio all’Agenzia delle Entrate; invece il 730 precompilato può essere inviato direttamente all’Agenzia delle Entrate accedendo sul sito e con le proprie credenziali, oppure sempre presentato al CAF abilitato entro il 30 settembre.

Chi deve presentare il modello 730?

Il modello 730 può essere utilizzato per dichiarare le seguenti tipologie di reddito:

  • redditi di lavoro dipendente;
  • redditi di lavoro assimilato;
  • redditi lavoro autonomo (no P.IVA);
  • redditi assoggettabili a tassazione separata;
  • redditi derivanti da possessi di terreni e fabbricati;

Quali Soggetti Sono Esonerati dal Presentare il Modello 730?

La presentazione del 730 non è sempre obbligatoria, infatti ci sono delle casistiche, di seguito riportate, in cui non è necessario presentarlo:

  1. quando si ha solo ed esclusivamente redditi da abitazione principale e pertinenze o fabbricati non locati
  2. redditi da lavoro dipendente o assimilato o pensioni con un solo sostituto d’imposta (quindi un solo CU)
  3. lavoro dipendente/assimilato o pensione + abitazione principale con relative pertinenze
  4. redditi soggetti a ritenuta alla fonte
Vedi Anche:  Modelli e Istruzioni ISEE 2024: documenti necessari e utili

In queste casistiche riportate, non è obbligatoria quindi la presentazione in quanto sono redditi percepiti da un’ unico sostituto d’imposta , il quale ha effettuato il conguaglio fiscale.

Modello 730: chi è esonerato con margine di reddito?

Altre volte, può succedere che il contribuente sia esonerato dalla presentazione ma solo in relazione al reddito posseduto. Di seguito si riportano le casistiche:

  1. reddito da lavoro dipendente o assimilato o pensione + altri redditi entro 8.000€ e non inferire a 365 giorni annui;
  2. reddito da abitazione principale con pertinenze + altri fabbricati o terreni entro 500€
  3. assegno periodico corrisposto dal coniuge (con esclusione assegno unico per mantenimento ai figli) + altri redditi entro 8.000€

Quali sono i documenti necessari per modello 730?

Tutti i contribuenti sono obbligati a presentare la dichiarazione dei Redditi esclusivamente per via telematica, direttamente o tramite intermediario abilitato. Per la presentazione occorre che il dichiarante abbia i seguenti documenti:

  1. documento d’identità in corso di validità;
  2. codice fiscale;
  3. recapito telefonico;
  4. indirizzo mail;
  5. documentazione relativa ai redditi posseduti e l e spese sostenute nell’anno d’imposta;

Entro quanto il contribuente riceve il rimborso 730?

Tutti i contribuenti che sono lavoratori dipendenti e che quindi hanno un Datore di Lavoro (sostituto d’imposta), nella busta paga di luglio avranno il rimborso diretto.
Per i titolari invece di pensione, l’importo del rimborso sarà presente sulla pensione di agosto e settembre.

Modello 730 senza sostituto d’imposta: quando farlo?

Il contribuente che al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi, non abbia un datore di lavoro quindi un sostituto d’imposta che possa effettuare il rimborso o le trattenute IRPEF in busta paga da luglio, dovrà presentare il modello 730 senza sostituto d’imposta.

Così facendo se dalla dichiarazione si determina un credito IRPEF e quindi spetta un rimborso IRPEF, il pagamento verrà effettuato direttamente dall’Agenzia delle Entrate.

Vedi Anche:  Cosa è la Certificazione Unica e quali informazioni contiene

Di prassi però possiamo considerare che le tempistiche di rimborso IRPEF sono di gran lunga superiore; infatti se il datore di lavoro normalmente paga i rimborsi fiscali già dalla busta paga del mese di luglio, l’Agenzia delle Entrate li invierà a partire dal mese di novembre, solitamente i rimborsi arrivano nel mese di dicembre.

Se invece dalla dichiarazione si determina un debito IRPEF, il pagamento dovrà essere effettuato dal contribuente utilizzando modello F24.

Termini prescrizione modello 730

Il contribuente che presenta il modello 730 sarà tenuto a conservare tutta la documentazione riguardante gli oneri detraibili e deducibili per 5 anni; sarà quindi necessario possedere gli originali delle spese mediche portate in detrazione (scaricate) al fine di poterli presentare in caso di controllo da parte del Fisco.

Chi Deve Presentare il Modello Unico Invece?

Vi sono eccezioni per i quali alcuni contribuenti non possono presentare modello 730 se hanno posseduto nell’anno d’imposta i seguenti redditi derivanti da:

  1. redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita IVA;
  2. redditi d’impresa;
  3. redditi “diversi” derivanti dalla cessione totale o parziale di aziende, proventi derivanti dall’affitto e dalla concessione in usufrutto di Aziende;
  4. non residenti in Italia nell’anno in corso e/o precedente;
  5. per coloro che devono presentare la dichiarazione per conto dei contribuenti deceduti.

Documenti per dichiarazione redditi modello unico

Il contribuente, lavoratore autonomo, dovrà quindi consegnare al proprio commercialista la documentazione relativa alla predisposizione del Modello Unico quale:

  • certificazioni che attestano prestazioni svolte occasionalmente;
  • fatture incassate nell’anno di presentazione della dichiarazione;
  • certificazione del pagamento contributi personali versati;
  • certificazioni uniche in caso si svolga anche un lavoro dipendente.
Vedi Anche:  Differenza tra f23 e f24

Scadenza modello unico

Il modello Unico, come il modello 730 deve essere inviato telematicamente all’Agenzia delle Entrate entro il 30 novembre. Una volta determinate le tasse da pagare, queste dovranno essere versate entro le suddette date:

  • entro il 30 giugno: si dovrà essere versare l’IRPEF a saldo e primo acconto IRPEF
  • entro il 30 novembre : dovrà essere versato il secondo acconto IRPEF

Rimborso modello unico quando arriva?

E’ possibile che al termine della dichiarazione dei redditi, ci sia una situazione in cui si possa verificare che i costi siano superiori ai ricavi e pertanto dal calcolo delle imposte risulti un IRPEF a credito. In questo caso l’importo sarà accreditato direttamente dall’Agenzia delle Entrate sul c/c del contribuente.

Indice: Dichiarazione dei Redditi – Modello 730 o Unico

Argomento: Dichiarazione dei Redditi – Modello 730 o Unico

  • modello 730
  • modello unico
  • dichiarazione dei redditi

Temi Correlati a: Dichiarazione dei Redditi – Modello 730 o Unico

Vuoi ricevere le novità del settore?
Per maggiori informazioni sul trattamento dati personali ti invitiamo a consultare la nostra Privacy.
Invia una mail