Vai al contenuto

Congedo per Malattia del Figlio

La Legge con l’articolo 47  D.lgs 151/2001 prevede la possibilità per i genitori di assentarsi dal lavoro in caso di malattia del figlio, anche se adottato.  In particolare la Legge stabilisce due tutele differenti: la prima  fino ai 3 (tre)  anni di età del bambino e l’altra dai 3 (tre)  agli 8 (otto) anni di età . Vediamo nel dettaglio tutti gli aspetti del congedo per malattia del figlio

 

QUANTI GIORNI SPETTANO E COME SONO CONSIDERATI PER IL CONGEDO MALATTIA DEL’ FIGLIO

 

Nel  settore PRIVATO, le assenze per la malattia figlio NON sono retribuite, a meno che il ccnl  non stabilisca diversamente,  ma viene riconosciuta la copertura contributiva  figurativa  quando: 

 

  • fino a 3 anni di età del figlio entrambi i genitori possono alternativamente astenersi dal lavoro per la malattia senza limiti temporali;
  • dai 3 anni agli 8 anni  spettano 5 giorni annui a disposizione di ciascun genitore.

 

Invece nel  settore PUBBLICO ,  è previsto quanto segue:

 

  • fino al terzo anno di età del figlio, è previsto il diritto di  30 (trenta)  giorni  annui regolarmente retribuiti per le malattie del bambino, con relativa contribuzione obbligatoria;
  • dal terzo anno fino agli otto anni  di età del figlio, si ha diritto a 5 (cinque) giorni annui a disposizione di ciascun genitore sono senza retribuzione anche nel settore pubblico, ma con  copertura contributiva.

 

L’assenza per malattia del figlio da chi viene retribuita?

 

Il riconoscimento dei contributi figurativi per le assenze per malattia figlio viene riconosciuto dall’INPS in maniera automatica a seguito della denuncia mensile UnieMens. 

 

COME ATTESTARE L’ASSENZA PER CONGEDO MATERNITA’ FIGLIO?

 

Il genitore, dovrà richiedere il certificato medico attestante la malattia del proprio figlio dal medico curante del bambino.
Di norma il medico curante inoltra la certificazione all’INPS, il quale poi la invia al datore di lavoro del genitore.

Vedi Anche:  Lavoratori autonomi e freelance: la consulenza del lavoro

 

IL PERIODO DI ASSENZA PER CONGEDO MALATTIA FIGLIO E’ SOGGETTO A VISITE DI CONTROLLO DA PARTE DELL’AZIENDA? 

 

Si ricorda che le assenze del lavoratore a seguito della malattia del figlio non sono soggette a visite di controllo da parte dell’Azienda, pertanto  al congedo per malattia del figlio non si applicano le disposizioni sul controllo della malattia del lavoratore, il bambino ammalato non può essere sottoposto a visita fiscale né il genitore che lo accudisce deve rispettare le fasce orarie di reperibilità.

 

E’ POSSIBILE CHE ENTRAMBI I GENITORI SI ASSENTINO  CONTEMPORANEAMENTE PER ASSISTERE IL FIGLIO MALATO?

 

Si precisa che per legge NON è ammesso in nessun caso che entrambi i genitori usufruiscono contemporaneamente del congedo per la malattia del proprio figlio.

Infatti il genitore che si assenta dal lavoro dovrà rilasciare una dichiarazione attestante che l’altro genitore non usufruisca  negli stessi giorni per il medesimo motivo.

 

IN CASO DI  MALATTIA DI 2 FIGLI DI ETA’ COMPRESA DAI  3  AGLI  8 ANNI, AL GENITORE SPETTERA’  5 GIORNI ANNUALI A FIGLIO O TOTALI?

Congedo per malattia del figlio

 

 

Si precisa che per il congedo parentale per malattia figlio i 5 giorni previsti spettano a CIASCUN genitore e per CIASCUN figlio. 

 

I 5 GIORNI ANNUALI DI ASSENZA PER MALATTIA FIGLI DI ETA’ COMPRESA DAI  3  AGLI  8 ANNI,  COME VENGONO CONSIDERATI?

 

Di norma i giorni spettanti si riferiscono all’anno di età del bambino e non  considerati come anno solare. 

 

IN CASO DI  MALATTIA DI 2 GEMELLI, IL GENITORE COME PUO’ FARE?

 

In questa casistica se si hanno figli gemelli in malattia, entrambi i genitori potranno usufruire del congedo per la malattia del figlio dichiarando l’assenza di ciascun genitore per quale figlio gemello debba assistere. 

Vedi Anche:  Licenziamento per insubordinazione del lavoratore

 

Interruzione congedo parentale per malattia figlio

Il congedo parentale rappresenta un periodo di astensione straordinaria dal lavoro che il genitore può prendersi per assistere il figlio malato.

L’interruzione del congedo parentale per malattia del figlio può essere richiesta in caso di necessità a causa dell’insorgenza di una malattia del bambino. In questi casi, il genitore che sta usufruendo del congedo può chiedere di interromperlo temporaneamente per poter assistere il figlio malato, per poi riprendere il congedo non appena il bambino si sarà ripreso. È importante notare che l’interruzione del congedo parentale può essere richiesta solo in casi eccezionali e previa valutazione da parte del datore di lavoro e delle autorità competenti.

Indice: Congedo per Malattia del Figlio

Argomento: Congedo per Malattia del Figlio

  • tutele differenti
  • malattia del figlio
  • articolo 47 D.lgs 151|/2001
  • 3 anni
  • adottato
  • congedo per malattia del figlio
  • genitori
  • assentarsi dal lavoro

Temi Correlati a: Congedo per Malattia del Figlio

Vuoi ricevere le novità del settore?
Per maggiori informazioni sul trattamento dati personali ti invitiamo a consultare la nostra Privacy.
Invia una mail