Vai al contenuto

Maternità Facoltativa o Congedo Parentale

Il congedo parentale spesso conosciuto come Maternità Facoltativa rappresenta un periodo di astensione dal lavoro  per le lavoratrici madri .

MA COS’ E’ IL CONGEDO PARENTALE PER ASTENSIONE FACOLTATIVA ?

Il diritto ad usufruire della astensione è stabilito dall’art. 32 della Legge 53 del 2000.
Tale Congedo,  come appunto dice il nome stesso,  può essere richiesto facoltativamente dal singolo genitore o  entrambi per poter fruire di un periodo, previsto dalla Legge,  per seguire la crescita del proprio figlio.

Astensione facoltativa maternità, per cosa si può usufruire ? 

La madre può astenersi dal lavoro per curare o accompagnare il figlio durante le vacanze scolastiche o in caso di malattia documentata. E’ possibile richiedere il congedo facoltativo anche per la frequenza dell’asilo nido e la scuola materna.

Congedo per astensione facoltativa a chi spetta?

Di seguito si riportano le categorie che possono beneficiare di tale astensione dal lavoro: 

  • lavoratrici dipendenti di Aziende private e pubbliche , sia a tempo pieno che part-time  a condizione che abbia prestato almeno 3 mesi di servizio all’inizio del periodo di astensione. Sono inclusi anche lavoratori agricoli con contratto a tempo determinato con 51 giornate lavorative precedenti all’anno dell’evento;
  • iscritti alla gestione separata INPS  con contratto a progetto con almeno 3 mesi di contribuzione negli ultimi 12 mesi ;
  • lavoratrici  autonome che hanno effettuato il versamento dei contributi relativi al mese precedente di quello di inizio del congedo facoltativo. 

 

A quali categorie di lavoratori non spetta il congedo parentale?

ll diritto al Congedo Maternità Facoltativa  NON spetta alle seguenti categorie:

  • lavoratrici disoccupate o sospese
  • lavoratrici  domestiche
  • lavoratrici a domicilio
  •  dipendenti pubblici,  compresi i dipendenti di Enti locali, e per gli iscritti all’INPS Artigiani e Commercianti.
Vedi Anche:  Assegno Unico

IN CHE MISURA E’ PREVISTA L’INDENNITA’ DI MATERNITA’ FACOLTATIVA?

Maternita facoltativa Retribuzione: in che misura e’ prevista l’indennita?

L’Inps riconosce il pagamento di una indennità per la maternità,   pari al 30 % dell’ultima retribuzione del periodo precedente l’astensione del lavoro calcolata con le stesse modalità previste per i periodi di congedo obbligatorio

A differenza del congedo per malattia o quello di congedo di maternità obbligatorio, non sono previste integrazioni l’indennità dell’INPS da parte dell’azienda. A meno che non siano espressamente indicate nei contratti collettivi o negli accordi aziendali.

Tale indennità può essere chiesta da tutti i lavoratori subordinati a condizione che:

  • abbiano in corso un regolare contratto di lavoro;
  • non siano soggetti a sospensioni del rapporto di lavoro (per altre cause).

Da chi viene corrisposta l’indennita’ per la maternita’ facoltativa?

Il pagamento dell’indennità solitamente viene anticipato dal Datore di Lavoro, per  conto dell’INPS,  in busta paga e conguagliata nel modello F24. 

Invece per i lavoratori agricoli,  stagionali a termine o  dello spettacolo a tempo determinato, l’indennità viene pagata direttamente dall’INPS. 

maternità facoltativa congedo parentale
Maternità Facoltativa: durata e termini per la presentazione

Quanto dura la maternita’ facoltativa? 

Il diritto all’indennità viene esteso fino ai 12 anni d’età del proprio figlio/a, rispetto ai 6 anni precedentemente previsti dalla normativa 

Cambiamenti anche dal punto di vista delle mensilità che potranno essere indennizzabili che, complessivamente, possono arrivare dai 6 mesi fino a 9 mesi. 

 Si avrà quindi diritto  ad un periodo di  Congedo  in relazione all’età del bambino:

  • Fino all’età di 6 anni del bambino/a,  si potrà beneficiare di un congedo di assenza pari a massimo 6 mesi;
  • Fino all’età di 8 anni del bambino/a, il periodo del congedo  può anche arrivare  fino a 10-11 mesi, ma si dovranno verificare caso per caso le condizioni utili alla richiesta.
  • Fino all’età di 12 anni del bambino/a, il periodo massimo di assenza può arrivare anche fino a 10-11 mesi, ma NON si avrà diritto all’indennità.
    Vedi Anche:  Agevolazioni assunzioni over 50

    L’indennità per astensione facoltativa per maternità potrà essere usufruita anche in modo frazionato.

    La durata complessiva del un periodo maternità facoltativa passa da:

    •  in caso di un solo genitore passa da 10 ad 11 mesi;
    • in caso di entrambi i genitori il periodo di astensione passa da 6 mesi a 9 mesi .

     

    TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER IL CONGEDO DI MATERNITA’ FACOLTATIVA ?

    Il termine per la presentazione della domanda di maternità facoltativa è previsto entro e non oltre i primi 12 anni di età di vita del figlio. 

    COME CHIEDERE IL CONGEDO PARENTALE

    Come si presenta la domanda per il congedo di maternità facoltativa?

    La domanda maternità facoltativa può essere così presentata:  

    • telematicamente sul sito INPS tramite credenziali INPS o SPID;
    • tramite Contact Center dell’INPS contattando il numero 803164 da rete fissa (gratuito) o il numero 06164 164 da cellulare;
    • rivolgendosi ai CAF o Patronati.

    La domanda va inoltrata prima dell’inizio del periodo di congedo . 

    Cosa accade se si presenta in ritardo la domanda per il congedo di maternita’ facoltativa

    Nel caso in cui  la domanda per il congedo di maternità facoltativa venga presentata DOPO l’inizio del periodo di congedo, in questo caso saranno  pagati soltanto i giorni successivi alla data di presentazione della domanda. 

    Esempio: 

    inizio  del congedo parentale il 10 maggio ma invii la domanda il 17 maggio,  il pagamento verrà considerato  soltanto per i giorni dalla presentazione della domanda e quindi dal  17 maggio in poi.

    Maternità facoltativa ferie e altre spettanze: quali si continuano a maturare durante il congedo parentale ?

    Durante il Congedo di Maternità facoltativa, NON co sarà la  maturazione dell’anzianità di servizio, gli scatti di anzianità, il trattamento di Fine rapporto (T.F.R.) le mensilità aggiuntive (13ma e 14ma ), giorni di ferie e ROL. 

    Vedi Anche:  Assunzione con reddito di cittadinanza

    Pertanto alla dipendente spetterà la conservazione del posto di lavoro ed il pagamento dell’indennità mensile al 30% della retribuzione. 

    Indice: Maternità Facoltativa o Congedo Parentale

    Argomento: Maternità Facoltativa o Congedo Parentale

    • astensione dal lavoro
    • maternità facoltativa
    • lavoratrici madri
    • diritto
    • congedo parentale
    • periodo di astensione

    Temi Correlati a: Maternità Facoltativa o Congedo Parentale

    Vuoi ricevere le novità del settore?
    Per maggiori informazioni sul trattamento dati personali ti invitiamo a consultare la nostra Privacy.
    Invia una mail